I caffè più costosi del mondo: 12 varietà con prezzi insolitamente alti

yumchief.com yumchief.com logo
Scoprite quali escrementi di animali dovrete scavare per ottenere il caffè più costoso del mondo.
Qual è il nome del caffè più costoso.

Negli ultimi anni, il caffè è passato dall’essere una bevanda comune a una tendenza. Le caffetterie spuntano ovunque e gli scaffali dei supermercati traboccano di caffè di diversi produttori. Ma ci sono alcuni caffè che sono difficili da trovare. Non sono molto richiesti a causa del loro costo elevato e del gusto non standard, ma sono molto apprezzati dai buongustai del caffè che non sono disposti ad accontentarsi di un prodotto di massa.

In questo articolo vi parleremo in dettaglio delle caratteristiche dei caffè più costosi al mondo.

I caffè più costosi:

Black Ivory («Avorio nero»)

Il Black Ivory è uno dei caffè più costosi ricavato dagli escrementi di elefante.

Questo tipo di caffè viene prodotto in Thailandia ed è considerato il più costoso al mondo: il costo di 1 kg di chicchi arriva fino a 3.000 dollari. Il prezzo si spiega con un metodo di produzione non standard: per questo tipo di caffè vengono raccolte le bacche, precedentemente passate attraverso il tratto digestivo degli elefanti. I chicchi vengono digeriti insieme alla frutta e alla canna da zucchero per 2 giorni, poi gli specialisti che lavorano nella piantagione cercano i chicchi intatti negli escrementi, che vengono accuratamente lavati, asciugati e lavorati.

A cosa serve? I succhi gastrici degli elefanti intaccano le proteine dei fagioli, eliminando l’amaro che rovina il sapore della bevanda. E quando si prepara un caffè Black Ivory anche molto forte, il sapore è sorprendentemente morbido e piacevole, con note di sambuco, spezie, tabacco, cannella, cioccolato.

La produzione di questo caffè è un processo lungo e laborioso. Per ottenere 1 kg di caffè Black Ivory, gli elefanti devono mangiare 35-40 kg di bacche fresche. Per questo motivo la produzione di Avorio Nero è limitata (circa 1 tonnellata all’anno), nonostante l’elevata richiesta del prodotto in tutto il mondo.

Tra l’altro, non è possibile acquistare questo caffè in un normale negozio: viene venduto solo in Thailandia e nei Paesi limitrofi, oltre che negli hotel a cinque stelle delle Maldive e degli Emirati Arabi Uniti. L’8% del ricavato delle vendite del caffè viene devoluto all’Asian Elephant Fund, dove viene speso per medicinali e cure veterinarie.

Kopi Luwak

Il Kopi Luwak è uno dei caffè più costosi ricavati dallo sterco di animali.

Questo caffè viene prodotto in Indonesia, in particolare nelle isole di Sumatra, Giava, Bali, Sulawesi e Timor Est. Il Kopi Luwak costa a partire da 500 dollari per 1 kg. Questo prezzo è giustificato dal gusto e dall’aroma insuperabili della bevanda finita. Ha note di cioccolato, nocciola, spezie e caramello. Il retrogusto è lungo e piacevole, con una leggera acidità e amarezza.

Il Kopi Luwak cresce a un’altitudine di oltre 1500 metri sul livello del mare. Più è alta, più il sapore e l’aroma sono brillanti e migliori sono le note vinose, floreali e fruttate. E perché? A causa della temperatura più bassa e della minore quantità di ossigeno, gli alberi del caffè crescono più lentamente, le bacche impiegano più tempo a maturare e hanno più tempo per sviluppare un sapore denso e ricco.

Tuttavia, il costo elevato del prodotto non è dovuto solo al basso volume di produzione, ma anche al modo non standard di produrre il caffè. Se si osserva la pubblicità di questo prodotto o la sua confezione, si noterà l’immagine degli zibetti (mammiferi predatori). Questi animali svolgono un ruolo importante nella produzione del caffè Kopi Luwak.

Il Kopi Luwak ha una sua storia. All’inizio del XIX secolo, gli olandesi consolidarono il loro controllo sulle isole indonesiane. In seguito, si resero conto che il caffè raccolto nella zona aveva un grande valore in Europa. All’epoca, gli olandesi cercarono di aumentarne la quantità per l’esportazione e vietarono agli abitanti del luogo di raccogliere le bacche da soli.

Gli intraprendenti indonesiani iniziarono a raccogliere gli escrementi degli zibetti che mangiavano le bacche di caffè. Poi lavarono i chicchi intatti e ne ricavarono il caffè. Quando gli olandesi ne vennero a conoscenza e assaggiarono la bevanda, la apprezzarono.

Perché i chicchi ricavati dagli escrementi degli zibetti sono diventati un prodotto esclusivo e costoso? Il fatto è che gli animali hanno un olfatto molto sensibile e scelgono solo bacche mature. Durante la digestione, i fagioli fermentano naturalmente. Uno degli enzimi – la cebitina – rompe le proteine dei fagioli, permettendo loro di rilasciare una maggiore quantità di aroma e di assumere nuove sfumature di sapore.

Per produrre il Kopi Luwak, vengono raccolti solo i fagioli non digeriti. Vengono accuratamente lavati, asciugati e tostati. Il caffè più pregiato si ottiene dagli escrementi degli animali selvatici, non da quelli tenuti in gabbia in apposite fattorie dove vengono alimentati a forza con bacche di caffè e la loro dieta è limitata, il che influisce sul gusto del caffè.

Saint Helena

Il St Helena è un caffè molto costoso.

Il caffè di Sant’Elena viene coltivato sull’isola di Sant’Elena, nell’Oceano Atlantico meridionale, a 1800 chilometri dall’Africa. L’isola è famosa per essere il luogo in cui l’imperatore francese Napoleone Bonaparte trascorse i suoi ultimi giorni di prigionia. Era un grande amante del caffè e si dice che abbia detto: «L’unica cosa bella di Sant’Elena è il caffè».

Ma Sant’Elena non costa 175-200 dollari per 1 kg. L’isola è lontana dalla terraferma, il trasporto della materia prima richiede molto tempo e fatica, quindi è costoso. C’è anche una carenza di manodopera e il processo di lavorazione dei chicchi ha le sue difficoltà: i chicchi sono molto delicati e si danneggiano facilmente durante la raccolta, la lavorazione e la tostatura.

Il vantaggio del caffè di Sant’Elena è che le piantagioni si trovano in un luogo ecologicamente pulito, a un’altitudine di 720 metri sul livello del mare. Non esiste ancora un’industria importante e le automobili e le strade sono arrivate solo negli anni Settanta.

Il caffè è stato portato qui dallo Yemen nel 1733, la varietà mono arabica «Green Bourbon», che richiede una particolare delicatezza nella raccolta. Come fertilizzante vengono utilizzati solo gli escrementi degli uccelli marini. Dopo la raccolta a mano, le bacche vengono lavate con acqua di sorgente locale e fatte essiccare naturalmente per 4 mesi, un tempo sufficiente perché i chicchi assorbano tutta la dolcezza della polpa.

Il caffè Saint Helena finito ha un’acidità fruttata con note di ciliegia, vino bianco e frutto della passione. Ha un retrogusto di cioccolato e caramello.

Hacienda La Esmeralda

L'Hacienda la Esmeralda è uno dei tipi di caffè più costosi.

L’Hacienda La Esmeralda è prodotta a Panama dalla famiglia Peterson dal 1967. Viene coltivato sulle pendici del Monte Baru, su un terreno vulcanico ricco di minerali.

L’influenza dei due oceani e del clima producono un caffè squisito e unico. Nella bevanda si riconoscono note di bergamotto, gelsomino e agrumi. È apprezzato dalla critica di tutto il mondo: l’Hacienda La Esmeralda ha vinto numerosi premi, come la Panama Cup nel 2017 e nel 2019. Il costo di questo caffè è in media di 800 dollari per 1 kg di chicchi.

Per ottenere un caffè di altissima qualità è necessario curare ogni dettaglio, dalla semina alla lavorazione dei chicchi. Questa varietà viene sempre raccolta a mano e la maturazione delle bacche di caffè viene rigorosamente monitorata. Vengono poi riselezionate, lavate, essiccate e tostate.

Finca El Injerto

Finca El Injerto è uno dei tipi di caffè più costosi.

Il prezzo medio di mercato è di 1.000 dollari per 1 kg di chicchi. Ha un riconoscibile retrogusto di cioccolato e nocciola. Coltivata in un’unica piantagione in Guatemala, è una varietà esigente con rese basse ma di alta qualità e un profilo gustativo unico con ricchi toni di frutta e bacche. I lavoratori raccolgono solo chicchi piccoli e succosi, che vengono lavorati con metodi tradizionali.

Anche il clima umido contribuisce al sapore non convenzionale, poiché la regione è sempre piovosa. Le piante di caffè sono coltivate all’ombra di altre piante e le bacche vengono raccolte a mano. Il terreno viene fertilizzato e trattato con metodi ecologici. È così che nasce Finca El Injerto, con un equilibrio armonioso tra dolcezza, acidità e amarezza. Tra l’altro, questa varietà ha vinto diversi premi: «Miglior caffè guatemalteco» nel 2021 e il 2° posto al CE nel 2022.

Molokai

Il Molokai è uno dei caffè più elitari.

Coltivata alle Hawaii dal 1984, sull’isola di Molokai, nella contea di Maui. Esiste una sola piantagione, situata a 850 metri sul livello del mare nel villaggio di Kualapuu. Il fertile terreno vulcanico è ideale per la coltivazione di patate dolci (il villaggio di Kualapuu prende il nome proprio da questo: «Sweet Potato Hill») e, naturalmente, del caffè Red Katuai. Si ottiene un caffè delicato, senza amarezza, con note di cioccolato nel sapore.

La fattoria del caffè è piccola, quindi tutta l’attenzione del personale è rivolta alla qualità della materia prima: sempre pulita, intera, senza chicchi ammuffiti o fermentati, nonostante il fatto che le bacche mature vengano raccolte a macchina e non a mano. Questo è ciò che Molokai ha stabilito in tutto il mondo, ed è per questo che sugli scaffali dei negozi si possono trovare diverse imitazioni e miscele, che non devono essere confuse con la versione originale.

Nella fattoria stessa, il Molokai è disponibile in due varietà: umido e secco. Quest’ultima è più intensa, con una leggera acidità e note erbacee. Il costo per 1 kg di grano è di 100 dollari.

Fazenda Santa Ines

Questo caffè è noto non solo per il suo sapore, ma anche per la sua storia. Viene coltivato in Brasile ai piedi delle montagne Matikera, nella tenuta Carmo de Minas. La Fazenda Santa Ines viene prodotta dai membri della famiglia Pereira da oltre 100 anni. Oggi, 1 kg di chicchi costa circa 110 dollari.

Gli appassionati di questa varietà apprezzano il caffè per il suo sapore sfaccettato: dolce, leggermente acido, con note di limone, chiodi di garofano, mela verde e camomilla. Tutte queste note si sviluppano gradualmente in bocca, portando a un retrogusto lungo e cremoso. La consistenza della bevanda è delicata e liscia, con un corpo denso e avvolgente. Il sapore è ricco e amaro.

La tecnica per ottenere un raccolto di qualità è tenuta segreta. Si sa solo che si tratta della varietà «Bourbon giallo» e che l’altezza degli alberi di caffè è di 1100 metri sul livello del mare. Le bacche vengono raccolte a mano con panni morbidi per ridurre al minimo il rischio di rovinare la materia prima. Dopo la cernita, le bacche vengono completamente essiccate con la buccia, in modo che i chicchi conservino il sapore fruttato e l’aroma della polpa. Per l’ulteriore lavorazione viene utilizzata una tecnica innovativa che viene tenuta segreta.

Ospina

Ospina è uno dei caffè più costosi al mondo.

Non si tratta di una semplice varietà, ma di un vero e proprio marchio di caffè creato dai fratelli Ospina. Essi fondarono una piantagione in Colombia negli anni ’30 del XIX secolo e iniziarono a coltivare Typica Arabica in un’area ecologicamente pulita all’ombra di alberi tropicali. Ospina è ora alla quinta generazione di produzione per gli amanti del caffè e costa 300 dollari per 1 kg.

Nonostante l’aumento della domanda, la produzione è limitata: solo 45 kg di chicchi all’anno. Ciò è dovuto al fatto che la pianta fruttifica solo dal 3° al 5° anno di crescita, oltre che alla specifica tecnologia di lavorazione. La raccolta viene effettuata manualmente. Dopo la cernita, i fagioli vengono conservati in botti di rovere per 6 mesi, quindi essiccati e fermentati.

Ospina è caratterizzato da un gusto prevalentemente di frutti di bosco (sono presenti note di mirtillo e mirtillo), ma anche di arancia, pesca e noci. Il retrogusto è pulito e persistente.

Jamaican Blue Mountain

Il Jamaican Blue Mountain è uno dei caffè più costosi.

Il prezzo per 1 kg di chicchi di caffè di questa varietà parte da 250 dollari. Il nome di questa varietà ha un motivo preciso: il caffè cresce in Giamaica sulle pendici della Blue Mountain, che si erge a 1200 metri sul livello del mare.

Il massiccio montuoso non è caratterizzato da una grande superficie (solo 6000 ettari), quindi il volume di produzione è ridotto. Le condizioni di coltivazione hanno la loro influenza sul sapore della bevanda. Grazie all’aria pulita di montagna, al terreno fertile e alle precipitazioni regolari, si ottiene un sapore brillante ed equilibrato con note di prugna, cioccolato fondente, pera e noce.

La bevanda finita ha una densità media e una bassa acidità e presenta una combinazione equilibrata di acidità e dolcezza, aroma e sapore. I chicchi vengono trasportati sulla terraferma in botti di legno dove conservano la loro freschezza e il loro ricco profilo gustativo.

Si noti che sul mercato possono essere presenti grani etichettati come Jamaican Blue Mountain, ma coltivati in una zona diversa. Non va inoltre confuso con l’omonima miscela: questo caffè è molto più economico e non è esclusivo.

Los Planes Pacamara

Il caffè è coltivato in El Salvador, a Chalatenango, in una piantagione situata a 1600-1700 metri sul livello del mare. Los Planes Pacamara è prodotto da un’unica famiglia. Il costo di 1 kg di chicco è piuttosto elevato: 89 dollari. Ciò è dovuto al fatto che la materia prima viene raccolta in piccole quantità e i chicchi non sopportano la tostatura scura, quindi la lavorazione viene effettuata da veri professionisti, per i quali la qualità del prodotto è una priorità.

Nella bevanda finita si avvertono sfumature di cacao, mandarino, caramello, vaniglia, mela rossa. Il sapore è duraturo, rinfrescante, potente e aristocratico.

Mi Esperanza

Questo caffè vi piacerà se preferite una bevanda ricca e tonificante senza amarezza. Rivela note di uva scura, spezie e noci, e piace anche per la delicata consistenza dell’emulsione di caffè.

Coltivato nelle piantagioni dell’Honduras, l’influenza del clima e del suolo locale sulla profondità del carattere del caffè è dovuta alla rigorosa osservanza della tecnologia di coltivazione, raccolta e lavorazione dei chicchi di caffè, nonché all’attenta selezione di sole bacche intere. Se decidete di provare Mi Esperanza, preparatevi a pagare 77 dollari per 1 kg di caffè.

Kona Coffee

Il Kona è uno dei caffè più costosi al mondo.

Coltivato alle Hawaii sulle pendici di Hualalalai e Mauna Lo, dove si trovano le piantagioni di caffè. Il terreno è fertile e il clima è ideale per la coltivazione di rare varietà di Arabica. Tutti questi fattori contribuiscono al fatto che le bacche di caffè maturano lentamente, dando loro il tempo di sviluppare un sapore eccezionale. Il caffè appena preparato ha note di cannella, noci e persino di prodotti da forno freschi.

La produzione di caffè Kona è limitata. Le bacche vengono raccolte a mano da agosto a gennaio. I chicchi vengono separati dalla polpa e poi fatti fermentare per diverse ore in una vasca speciale. Per ottenere un prodotto di alta qualità, l’intera tecnologia di produzione di questa varietà deve essere rigorosamente seguita e controllata.

Related Articles

Cos'è il matcha: una panoramica dettagliata sul tè.
Cos’è il matcha: tutto quello che c’è da sapere su questo tè verde
Uno sguardo approfondito su uno dei tè giapponesi più popolari e insoliti.

Commenti

Lascia un commento